lunedì 14 dicembre 2009

Faccia (libro) insanguinata

Quando uno si azzarda a dire che tramite il controllo totale delle televisioni si manipola la realtà e si influenza la gente, i potenti alla corte del nano dicono che non è vero, che la gente mica è scema, che sa ragionare con la propria testa e che questo del controllo dei media è solo una scusa senza basi per attaccare chi ci governa. Punti di vista. Discutibili ma legittimi, ognuno la può pensare come meglio crede. Poi però gli stessi che fanno queste argomentazioni dicono: i gruppi che vengono creati su facebook, gli attacchi che si fanno sui blog, il parlare senza freni su internet è un grave danno, è pericoloso perché si influenza negativamente la gente, la si istiga alla violenza, si fomenta l'odio.

Ma come? La tv non influenza nessuno e internet manipola la mente? Non capisco, secondo voi la gente è immune a queste influenze o ne è totalmente condizionata? Cari miei, fate pace con la vostra mente prima di parlare.

14 commenti:

  1. Eh, che fai fingi di meravigliarti della capziosità delle argomentazioni dei berluscones? Quelli sono pagati per manipolare i fatti, figuriamoci...

    RispondiElimina
  2. Ehehe, m'hai scoperto subito. Non sono bravo a fingere, lo dicevo io che la carriera da attore non faceva per me...
    Scherzi a parte, per quanto forse scontato, credo che soffermarsi su certe dichiarazioni abbia un proprio valore. Perché è proprio sullo sparare balle e poi altre balle e poi altre balle e poi altre balle che finiscono per manipolarla sta realtà. E la nostra unica difesa è rispondere con argomentazioni sensate alla prima balla e poi alla seconda e poi alla terza e poi alla quarta... (ad libitum sfumando).
    Per inciso, ogni tanto m'annoio pure io ;)

    RispondiElimina
  3. Considerazione sacrosanta, caro.

    RispondiElimina
  4. berluscones felice14 dicembre 2009 13:55

    Intanto Silvio continuerà a governare: rode tanto?

    RispondiElimina
  5. Certo che rode, almeno a me. Vaffanculo, Tartaglia.

    RispondiElimina
  6. La tv influenza eccome... e molto più della rete altrimenti avrebbe già perso le elezioni scorse o quantomeno molta più gente non l'avrebbe votato.

    RispondiElimina
  7. Su facebook io nutro da tempo numerose perplessità, ma per ragioni molto diverse da quelle di costoro. certo però che il condizionamento della televisione è innegabile, è un fatto sociologicamente incontestabile.

    RispondiElimina
  8. @Matteo: io non sono mai stato un fan di facebook, e so bene che è una miniera d'oro per selezionare target e vendere pubblicità. Però è anche vero che è una "piazza" in cui la gente può scambiarsi opinioni e conoscenza senza la mediazioni di strutture superiori. E in una società in cui la maggior parte dell'informazione è pilotata, un "luogo" del genere ha la sua importanza. Per cui, insieme ad altri luoghi di libertà, mi sento di difendere anche questa faccialibro ;)

    RispondiElimina
  9. Chiudiamo internet, un pò di sana censura e questi terroristi scalmanati la pianteranno!

    p.s. Io scherzo, ma quelli lo pensano davvero...

    RispondiElimina
  10. Su Facebook non ci sono solo opinioni politiche più o meno condivisibili e comunque democratiche.
    Si formano anche dei gruppi che istigano alla violenza contro un uomo.
    Come ben dici, FB è una piazza dove scambiare opinioni, e l'apologia di reato che vi si compie in taluni casi (contro qualunque personaggio) è raccapricciante.

    Salute

    RispondiElimina
  11. L'ironia e il sarcasmo (sempre fuori luogo!) del Russo saranno fra poco superati dalla realtà dei fatti grazie ai tanti Tartaglia, confusi e 'non-violenti' che bazzicano a sinistra: scomettiamo?
    E poi vediamo chi riderà...

    RispondiElimina
  12. @luca: a parte che non condivido questa equazione Tartaglia = militare a sinistra. Anzi la trovo un'offesa nei confronti di tutti coloro che ripudiano la violenza ma che legittimamente si oppongono a questo governo. E poi non condivido questa tua riflessione sul sarcasmo. Io credo che l'ironia abbia un enorme valore nello stemperare il fanatismo. Soprattutto di questi tempi che sembra essersi insinuato nella mente di tutti. Detto questo mi auguro che non leggerai queste mie opinioni come un attacco personale nei tuoi confronti, come spesso mi capita quando esprimo un parere, ma una semplice espressione di quel vivere democratico che anche tu, mi sembra, vorresti difendere.
    Ciao

    RispondiElimina
  13. @giudaballerino
    Anzi, apprezzo la tua misura e la tua sana e rispettabile 'partigianeria'; purtroppo sono intollerante verso l'idiozia 'a priori' del buon Russo... sempre e comunque fazioso!
    Ciao :-)
    p.s. - è un limite essere intolleranti con gli ignoranti?
    Non credo, anche perché tu non 'banni' chi non ti lecca il culo come il sopraccitato Rrusso.

    RispondiElimina
  14. "L'ironia e il sarcasmo (sempre fuori luogo!) del Russo saranno fra poco superati dalla realtà dei fatti grazie ai tanti Tartaglia, confusi e 'non-violenti' che bazzicano a sinistra: scomettiamo?
    E poi vediamo chi riderà..."

    Riderà Berlusconi, mi pare chiaro.

    RispondiElimina