domenica 16 settembre 2007

La guerra è finita (se tu lo vuoi)

Ebbene, ieri sera mi sono imbattuto nella visione del documentario “The U.S. vs John Lennon”, nel quale si è cercato di ricostruire come l’FBI, infastidito dall’attivismo di Lennon, cercò in tutti i modi di mettergli i bastoni fra le ruote. A rivederlo oggi l’attivismo di John fa quasi tenerezza, come la scelta di non tagliarsi più i capelli finché non arrivi la pace o stampare centinaia di cartelloni in formato gigante con su scritto “War Is Over (If you want it)” e farli appendere nelle principali città del mondo oppure, ovviamente, inneggiare all’amore universale attraverso le canzoni o le interviste. Gesti quasi ingenui che oggi al massimo farebbero sorridere l’establishment. Ma allora, con il clima di rivolta che permeava ogni ragazzo e con l’immenso potere mediatico che poteva avere un beatles, quei gesti rischiavano di cambiare il mondo. E non gliene voglia l’FBI, ma quel capellone, almeno un po’, il mondo l’ha cambiato.

14 commenti:

  1. John Lennon è sempre stato un mio mito! Ho aggiornato l'elenco dei siti preferiti. Ho inserito il tuo blog. Ciao!

    RispondiElimina
  2. ONORE A JOHN.

    E'vero.

    Ci ha lasciato più di quanto siamo stati disposti ad ammettere.

    E questo, è stato un vero peccato.

    RispondiElimina
  3. all'inizio ho pensato ad una canzone dei baustelle.... ;)
    la foto che hai postato mi fa venire un certo brivido alla schiena...
    ciò perchè da figlia di sessantottini io ho sempre desiderato vivere in quel periodo i miei vent'anni...
    quei gesti che a noi oggi , nell'epoca della comunicazione globale, dove si ama, si odia, si fa amicizia velocemente, sembrano così banali e piccoli ...per loro allora erano densi densi di significato...
    erano una lotta...sebbene consistessero solo in una folta chioma...
    ho sempre sognato una rivoluzione "morbida.."
    mi rendo conto che è e rimarrà un sogno...
    p.s. questo post mi fa venire in mente un altro tuo post...per fortuna nn sono americano!!!
    a loro quando da fastidio qualcuno PUM e lo levano di mezzo....
    che gente graziosa..che bel governo...che bel presidente...
    ops forse sono stata un pò lunga..... ;)

    RispondiElimina
  4. PS: Rompo per un attimo la compostezza del momento (e me ne scuso) solo per dirti:

    TU ESSERE GENIO DEL MALE.

    Ti dico solo che ho aperto ora per la prima volta il tuo Maispeis.

    Lascio a te comprendere lo specifico "perché".. (io sto ancora male..)

    :D

    RispondiElimina
  5. Adesso quel potere ce l'hanno i comici...
    Vedi un po' tu.

    RispondiElimina
  6. Ogni azione va inquadrata nel contesto in cui viene compiuta.
    In quel momento e per la notorietà di chi la compiva, quell'azione era veramente rivoluzionaria

    RispondiElimina
  7. Beh, insomma, ingenui... ricordiamoci che in quegli anni parole come 'aborto' e 'divorzio' erano ancora dei tabù e criticare gli USA (che prima della disfatta vietnamita non avevano mai perso una guerra) non era roba da poco, anzi, ci volevano le palle. Per tutto questo e per molto altro (soprattutto in fatto di musica, che è la cosa che più mi interessa) ritengo John Lennon uno dei più grandi artisti che la storia dell'umanità abbia da annoverare.

    RispondiElimina
  8. @greg: muchas grazias, apprezzo molto ;)

    @bestès lone wolf: adesso mi hai accesso un'immensa curiosità: perchè dovrei essere un genio del male? :)
    Che ho messo di strano nel maispeis? o meglio, tra le stranezze che ho messo, quale ti ha colpito?

    @prescia: eh sì, anche a me vedere l'entusiasmo e le speranze di quella generazione mi fa sentire dei brividi lungo la schiena... una continua tensione ad infrangere gli schemi che non smette di emozionarmi ;)

    @cate: comici o cantanti, scrittori o poeti, mai una volta che questa qualità ce l'avesse un politico...

    @franca: la penso come te, la forza delle azioni di Lennon ha davvero cambiato un'epoca

    @mat: Io non credo mica che i gesti di Lennon siano stati ingenui, anzi, tutt'altro. Io credo davvero che sia stato rivoluzionario. La mia era una riflessione in relazione ad i nostri tempi, in cui le medesime azioni sarebbero probabilmente considerate ingenue. Del resto anch'io considero John Lennon, insieme a pochi altri, una delle persone più importanti della cultura del XX secolo.

    RispondiElimina
  9. Dirò solo una parola (risolutiva):

    SOUNDTRACK.

    :DDDDDD

    RispondiElimina
  10. sì, lo spirito, la rabbia, il coraggio, la voglia, l'idealismo e anche un po' di utopismo. Questo dovrebbe fare andare avanti tutto. Ma oggi stiamo troppo comodi.

    RispondiElimina
  11. @bestès lone wolf: ehehe, i draghetti colpiscono ancora :P

    @valentina orsucci: hai ragione, ma l'esempio di una persona come Lennon per fortuna riesce ancora a dirci qualcosa...

    RispondiElimina
  12. un gran bell'ativista.
    di pace.

    ;)

    RispondiElimina
  13. E' cambiato, ma sta di nuovo cambiando.. in peggio :-(

    RispondiElimina
  14. ciao! ho finalmente visto Sicko! ricordi che ne parlavamo a fine agosto... ne ho un po' parlato sul blog. non so com'è ma non immaginavo che sarebbe stato così commuovente...
    se ti va di leggere!
    sara

    RispondiElimina